Flash News

  • Info day formazione e attività sportive 28 gennaio 2016 - Programmiamo la nuova stagione sportiva Open or Close

    Info day formazione e attività sportive 2017 Come anticipato nella circolare n. 1 del 13/01/2017 vi confermiamo che la prima giornata formativa Endas/Pas si svolgerà a Roma presso la sede Endas Nazionale di Via Merulana48, il giorno 28 gennaio dalle ore 10.00 alle ore 16.30; Sarà l’occasione per iniziare il percorso di riconoscimento e abilitazione dei formatori Endas/Pas e l’inserimento nell’albo formatori. Tale attività è propedeutica all’insegnamento e attivazione dei corsi di formazione come richiamato nell’art. 6 del regolamento nazionale della formazione approvato con delibera della direzione nazionale del 3 dicembre 2016 e sancito nella convenzione Endas/Pas. Pas infoday Le richieste già pervenute per l’iscrizione all’albo formatori saranno valutate da una commissione tecnica che attribuirà i livelli EQF necessari per i formatori. Per eventuali nuove richieste si prega di inviare il CV in formato europeo sportivo (che si allega), alla mail info@professionistiassociatisportivi.it o a formazione@endas.it. Il programma formativo sarà il seguente: ore 10.00 registro coni e nuove regole (discipline sportive – attività e formazione) ore 11.30 strutturazione nuovi percorsi formativi per disciplina ore 13.00 pranzo ore 14.30 Il professionista dello sport manager sportivo ore 15.30 Albo Endas/Pas ore 16.00 I livelli EQF nuove frontiere e mobilità transnazionale Per quanti vorranno aderire all’associazione PAS previsto nel tesseramento il rilascio dell’attestato “manager dello sport” e la tessera personalizzata (carta prepagata BPER). Si prega di confermare la presenza alla mail formazione@endas entro e non oltre il 24/01/2017 compilando il modello allegato. Per info e comunicazioni Fabio Gardella Presidente Pas tel. 3469457218 Pierpaolo Chiumera ref. formazione Endas Nazionale tel. 3935661186 Giovanni Gordiani Eurethics Training Academy - Brussels

  • Sportivi oggi - professionisti domani - 2017 una nuova sfidaOpen or Close

    Finalmente è stata firmata la convenzione tra Pas ed Endas per la formazione continua dei tecnici, formatori, istruttori, allenatori, arbitri che riceveranno una ulteriore qualifica ovvero quella di Manager Sportivo. "Un passo importante, una nuova vita per la nostra associazione" ha commentato entusiasta il nostro presidente Fabio Gardella Igp. A breve vi sveleremo i prossimi appuntamenti e le novità per i nostri soci. Per ora possiamo solamente dirvi di tenervi liberi per l'ultimo week end di gennaio. #staytuned #pas #endas #formazione

  • Libera circolazione degli Sportivi e Parificazione dei Riconoscimenti e dei ServiziOpen or Close

    Le normative nazionali per la formazione e le qualifiche relative alle professioni dello sport variano notevolmente. A seconda delle situazioni, possono provenire da autorità sportive federali, dal sistema scolastico e universitario, dai pubblici poteri ovvero dalle organizzazioni professionali. Inoltre le condizioni di esercizio delle professioni dello sport fanno riscontrare del pari alcune disparità tra i paesi dell’UE. In alcuni di questi, l'accesso all'insegnamento, all'animazione o all'inquadramento è condizionato al possesso di un diploma di Stato, mentre in altri paesi dell’UE, il diploma non è obbligatorio per svolgere funzioni di inquadramento sportivo nell'ambito professionale. Tali disparità possono in alcuni casi ostacolare la libera circolazione di coloro i quali svolgono una professione sportiva, determinando così l'insorgere di contenziosi: i lavoratori di un paese dell’UE si possono trovare a subire la concorrenza sul proprio territorio nazionale di istruttori di altri paesi dell’UE aventi una diversa formazione, ovvero privi di qualsiasi formazione. Nel contesto della libertà di stabilimento e di prestazione di servizi, il sistema generale di riconoscimento reciproco delle qualifiche professionali risolve in una certa misura tale problema. Questo sistema si applica alle professioni regolamentate, vale a dire alle attività professionali riservate ai titolari di un diploma o ad ogni altro titolo di qualifica rilasciato dal sistema nazionale di formazione. In questo senso il sistema si applica ad alcune attività professionali del settore dello sport (ad esempio, agli istruttori di sci). E' questo il caso in cui il possesso di un diploma è indispensabile per poter svolgere legalmente una professione sportiva. Tale sistema comporta che il paese dell’UE ospitante non possa rifiutare ad un cittadino di un altro paese dell’UE di svolgere una professione se ha la qualifica riconosciuta dal suo paese per svolgere la medesima professione. Tuttavia esistono alcune eccezioni in caso di differenze sostanziali riguardanti il livello delle qualifiche ovvero la durata delle formazioni. I titoli per le qualifiche sportive rilasciati da federazioni nazionali o da altri organismi sportivi rientrano del pari nel campo d'applicazione di questo sistema, quando questi organismi sono stati formalmente abilitati da un'autorità pubblica a rilasciare tali qualifiche.

  • ELETTO IL NUOVO PRESIDENTE PASOpen or Close

    L'assemblea del 26 gennaio 2016 ha segnato il passaggio di consegne nell'associazione Pas!!

    Da parte nostra auguriamo un in bocca al lupo al nuovo presidente FABIO GARDELLA il quale ha promesso all'associazione moltissime news!!

  • Ottime notizie dal Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) .....Open or Close

    Il Presidente Piero Benedetti ha il piacere di annunciarvi che la nostra associazione "PAS" è stata inserita nell'elenco del ministero come associazione riconosciuta ex    L. 4/2013. Un traguardo notevole che certifica il lavoro svolto correttamente e con grande professionalità!!!

    "La tutela, la promozione e la formazione dei professionisti sportivi è il nostro obiettivo primario..." ha affermato il Presidente.

    LogoMise"E' necessario investire sempre di più su un'offerta professionale qualificata e la nostra associazione è lo strumento idoneo per garantire la corretta formazione dei Manager dello Sport". Ha concluso orgogliosamente in questo modo il presidente, nella lettera inviati ai soci, rimarcando le opportunità che questa legge può offrire ai "lavoratori dello sport" che lottano quotidianamente senza nessuna tutela ma che sono chiamati giornalmente a sfide incommensurabili.

    "Lo sport è un elemento fondamentale nella crescita delle generazioni future e gli attori protagonisti - i professionisti dello sport - sono responsabili dell'educazione e della formazione dei nostri ragazzi!!! Per questo vanno formati e tutelati con professionalità. Queste le sue parole.

    Il presidente promette ancora: "Presto ci saranno molte novità riservate per le associazioni riconosciute ex L. 4/2013 e per i nostri associati!!!" Qui in link del ministero http://www.sviluppoeconomico.gov.it/index.php?option=com_content&view=article&viewType=1&id=2027486&idarea1=1934&idarea2=0&idarea3=0&idarea4=0&andor

  • Nuovi orizzonti dalla Comunità EuropeaOpen or Close

    Attuare una serie di misure in differenti ambiti tra i quali l’accesso ai finanziamenti attraverso la creazione di un mercato europeo per il microcredito con conseguente semplificazione della fiscalità sugli investimenti diretti privati al fine di supportare le PMI ed i Liberi Professionisti dell’Unione, è l’obiettivo del progetto “Imprenditorialità 2020” attivato dall’Unione Europea. Bandiera Europea Tuttavia il problema torna a essere di competenza della politica nazionale. Infatti, fra i programmi previsti per i professionisti, vi è l’intento di favorire la mobilità professionale in Europa, con l’obiettivo «di contribuire alla realizzazione di mercati del lavoro accessibili a tutti i lavoratori potenzialmente mobili». La normativa europea in materia di «qualifiche professionali» e l’introduzione della «tessera professionale europea», prevedono nuovi meccanismi per il riconoscimento delle qualifiche professionali, rendendo certamente più agevole la circolazione delle professioni ordiniste.  Per il Manager dello sport, che esercita la propria attività ex lege 4/2013, la semplificazione non appare così scontata e il problema, a nostro avviso, torna a interessare la normativa nazionale, che deve recepire con chiarezza e nel giusto spirito europeista le modalità d’identificazione e di riconoscimento delle professioni, sulla strada chiaramente indicata dalla legge 4/2013, dell’esistenza di due mondi complementari fra loro: il mondo associativo e il mondo ordinista. P.A.S. si batterà anche in Europa per affermare i principi che fondano la professione del Manager dello Sport e ottenere il giusto riconoscimento per la categoria.